Valutazione dei paesi più instabili ha presentato oggi la rivista Forbes

Oggi, 6 luglio, la rivista Forbes, analizzando gli indicatori macroeconomici
la maggior parte del mondo negli ultimi anni e le previsioni al 2012
ha riferito che il peggio dell'economia nel mondo della metà del 2011 è il Madagascar.
Il secondo della lista si è rivelata l'Armenia, il terzo - Guinea, e le cinque peggiori economie
chiudere il mondo, l'Ucraina e la Giamaica. A proposito di Armenia in classifica Forbes ha detto che
Questo paese non può uscire dalla crisi: nel 2009 il PIL
L'Armenia è sceso immediatamente del 15%. Inoltre, c'è un'inflazione elevata (circa
sette per cento), e il PIL pro capite è inferiore a 3000 dollari:
meno di un terzo di quello di una vicina Turchia. Che
Per quanto riguarda l'Ucraina, di lei nella classifica degli stati che il PIL pro capite
è al livello di paesi come la Serbia e la Bulgaria. In questo caso l'inflazione
in Ucraina è di circa il 10%. Interferire con l'Ucraina per sviluppare la corruzione, povera
pubblica amministrazione e del sistema giudiziario. Circa il leader rating - Madagascar
- Dice che il PIL pro-capite l'isola è di soli $ 387,
e l'inflazione - 8, 5%. Il prezzo del riso, un alimento base in Madagascar,
aumentata nel corso degli ultimi due anni, due volte. Forbes formata una valutazione basata sul
Le statistiche sulla crescita del PIL e dell'inflazione per tre anni (tra cui le previsioni del FMI per
2012), il PIL pro capite e la bilancia commerciale del paese. In particolare,
I risultati della stessa potenza di un anno fa era molto diverso da quello nuovo:
poi il primo posto è stato occupato da Etiopia, la seconda - Repubblica Democratica del
Congo, mentre il terzo - Guinea. Il leader della classifica nel 2011 - Madagascar - era solo
10 ° posto, mentre l'Armenia e l'Ucraina sulla lista non esisteva. Come riportato
in precedenza, il FMI ha recentemente avvertito che la crisi finanziaria in Grecia, Portogallo,
così come l'Irlanda, potrebbe diffondersi ad altri paesi della zona euro e dell'Est
Europa. La probabilità di dichiarazione di default da parte dell'Ucraina, secondo alcune stime,
è del 50%.

Share This Post: